ORARIO DEL SANTUARIO

Domenica e Solennità

Ore 15.30
Adorazione - S. Rosario - Vespro

Ore 16.30
S. Messa


Info&News

Non vi affannate per il domani

Desideri pregare il Vangelo di domenica col rosario?
Eccolo!
Nostra Signora del Frassine ti dona la gioia della preghiera fatta con lei.

(Matteo 6,24-34)

Meditiamo il Vangelo dell'abbandono alla Provvidenza

1° mistero. Non possiamo servire due padroni
Tutti: Gesù disse ai suoi discepoli: «Nessuno può servire a due padroni: o odierà l'uno e amerà l'altro, o preferirà l'uno e disprezzerà l'altro; non potete servire a Dio e a mammona.
Guida: La convinzione che l'uomo si salva col possesso (denaro, viveri, benessere), è idolatria. Non sentendosi al sicuro all'ombra delle promesse di Dio, cioè della fede in Lui, l'uomo pone la propria sicurezza nel denaro e si illude di avere la fede perché offre a Dio le briciole delle sue ingiuste ricchezze. "Mammona" è ciò in cui l'uomo pone la sua fiducia, al di fuori di Dio. Occorre imparare a conoscerli bene questi falsi “valori” che tendono a farla da padroni nella nostra vita, e che sono in alternativa a Dio.
Padre nostro... - 10 Ave... - Gloria...
Canto:

Alza gli occhi sopra te, quel passero
che vola sai che valore ha? E anche se valore lui non ha,
a terra non cadrà se il Padre non vorrà.
Tu non temere: vali di più di molti passeri.

2° mistero. «Non affannatevi»
Tutti: Perciò vi dico: per la vostra vita non affannatevi di quello che mangerete o berrete, e neanche per il vostro corpo di quello che indosserete. La vita non vale forse più del cibo e il corpo più del vestito?
Guida: Le due preoccupazioni fondamentali dell'uomo corrispondono a due necessità: la preoccupazione del vitto per il sostentamento e la preoccupazione del vestito e della casa per la protezione. A forza di preoccuparsi, però, per la difesa e il sostentamento della vita, si finisce col perdere di vista la cosa fondamentale: che la vita stessa è un dono. "Affannarsi" significa essere nell'ansia, nell'agitazione per le cose del corpo, come i pagani. A questo pericolo c'è una sola alternativa: abbandonarsi a Dio.
Padre nostro... - 10 Ave... - Gloria... - Canto...

3° mistero. "Guardate gli uccelli del cielo"
Tutti: Guardate gli uccelli del cielo: non seminano, né mietono, né ammassano nei granai; eppure il Padre vostro celeste li nutre. Non contate voi forse più di loro? E chi di voi, per quanto si dia da fare, può aggiungere un'ora sola alla sua vita?
Guida: Gesù ci invita a guardare la natura. Noi non guardiamo il creato perché siamo incapaci di meravigliarci, cioè di guardare con occhi di bimbi. La medicina ha trovato il modo di prolungare la vita terrena, che finisce comunque; ma qui Gesù ci fa balenare che la nostra fine terrena avviene nel disegno meraviglioso dell'amore del Padre.
Padre nostro... - 10 Ave... - Gloria... - Canto...

4° mistero. “Guardate i gigli del campo"
Tutti: E perché vi affannate per il vestito? Osservate come crescono i gigli del campo: non lavorano e non filano. Eppure io vi dico che neanche Salomone con tutta la sua gloria, vestiva come uno di loro. Ora, se Dio veste così l'erba del campo che oggi c'è e domani verrà gettata nel forno, non farà assai più per voi, gente di poca fede? Non affannatevi dunque dicendo: Cosa mangeremo? Cosa berremo? Cosa indosseremo? Di tutte queste cose si preoccupano i pagani; il Padre vostro Celeste infatti, sa che ne avete bisogno.

Guida: I fiori, la cui vita dura un giorno, sono un segno della nostra risurrezione: risorti, avremo la luce e la bellezza stessa di Dio. Gesù insiste che il preoccuparsi è proprio di chi è tutto ancorato alla terra. "Il Padre sa": come potrebbe la sua divina Provvidenza lasciar mancare qualcosa ai suoi figli che si abbandonano interamente a Lui? La piccola Teresa di Lisieux diceva ala fine: Ormai è solo l’abbandono che mi guida.
Padre nostro... - 10 Ave... - Gloria... - Canto...

5° mistero. Prima di tutto il Regno di Dio
Tutti: Cercate prima il Regno di Dio e la sua giustizia e tutte queste cose vi saranno date in aggiunta. Non affannatevi dunque per il domani, perché il domani avrà già le sue inquietudini. A ciascun giorno basta la sua pena».
Guida: Rispettando questa gerarchia di valori proposta da Gesù, si raggiunge il vero equilibrio. "Vivi il momento presente, vivilo in amore". “Se voi pensate al domani, la Provvidenza non ci penserà più” (S. Giuseppe Cottolengo) La Madonna a Medjugorie, invitando a meditare ogni giorno questa pagina di Matteo, intendeva preparare l'umanità alla eventuale perdita improvvisa di tutto ciò per cui ci tormentiamo. Abbandonarsi al Padre è fonte di pace.
Padre nostro... - 10 Ave... - Gloria...