ORARIO DEL SANTUARIO

Domenica e Solennità

Ore 15.30
Adorazione - S. Rosario - Vespro

Ore 16.30
S. Messa


Info&News

Tu sei Pietro

Desideri pregare il Vangelo di domenica col rosario?
Eccolo!
Nostra Signora del Frassine ti dona la gioia della preghiera fatta con lei.

(Matteo 16,13-20)

Meditiamo il Vangelo del primato conferito a Pietro

1° mistero. Gesù interroga i discepoli sull'opinione della gente
Tutti: In quel tempo, essendo giunto Gesù nella regione di Cesarea di Filippo, chiese ai suoi discepoli: «La gente chi dice che sia il Figlio dell'uomo?». Risposero: «Alcuni Giovanni il Battista, altri Elia, altri Geremia o qualcuno dei profeti».
Guida: In terra pagana, fondazione della Chiesa di Cristo. Il punto culminante del Vangelo è raggiunto. Gesù si trova al Nord della Galilea, respinto dal suo popolo, nella regione ombreggiata dal grande Hermon e alle sorgenti del Giordano, vicino a Cesarea, la città che Filippo aveva fatto costruire in onore di Augusto. I discepoli sono con lui. Egli rivolge loro una domanda decisiva. La gente identifica Gesù con un personaggio del passato: il Battista, per la sua parola di fuoco; Elia, che doveva precedere la venuta del Messia; Geremia, il profeta solitario e celibe per amore della Parola.
Padre nostro... - 10 Ave... - Gloria...
Canto:
Tu roccia viva, guida il mio popolo ancora,
guida il mio popolo ancora.
Proteggi il Papa, Donna vestita di Sole,
Madre Tu sei della Chiesa.

2° mistero. Pietro risponde a nome dei discepoli
Tutti: Disse loro: «Voi chi dite che io sia?». Rispose Simon Pietro: «Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente».
Guida: Il risultato dell'attività di Gesù in Galilea viene espresso dalla fede di Pietro a nome dei dodici; questa fede contrasta con le opinioni del popolo. Ma Pietro ha veramente compreso in quale senso Gesù è Messia del Padre? La parola "Cristo" equivale a Messia, cioè Consacrato; la parola "Figlio" indica Gesù come partecipe della stessa natura divina del Padre; "del Dio vivente": è l'idea fondamentale dell'ebraismo. Quando domandiamo a Gesù: «Tu, chi sei?», Egli ci rinvia la domanda: «Tu, chi dici che io sia?».
Padre nostro... - 10 Ave... - Gloria... - Canto...

3° mistero. Gesù conferma la risposta di Pietro
Tutti: E Gesù: «Beato te, Simone, figlio di Giona, perché né la carne, né il sangue te lo hanno rivelato, ma il Padre mio che sta nei cieli».
Guida: Approvando la dichiarazione di Pietro, Gesù la indica come il fondamento della fede della Chiesa futura e ne sottolinea l'origine celeste: per riconoscere Gesù non bastano la carne e il sangue (cioè l'intelligenza e la cultura), occorre una luce dall'alto che si chiama fede; essa splende quando in noi tace l'orgoglio. Non c'è errore più grave, nel campo della fede, che affermare: «In campo religioso, io penso a modo mio». Chi non ha sofferto e pianto davanti al mistero di Dio, non sa ancora niente di Lui.
Padre nostro... - 10 Ave... - Gloria... - Canto...

4° mistero. Gesù conferisce a Pietro il primato sui Dodici
Tutti: «E io ti dico: Tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia Chiesa e le porte degli inferi non prevarranno contro di essa.

Guida: Il nome nuovo indica la missione specifica del discepolo. "Tu sei Pietro", cioè quell'uomo fragile, sul quale Io edificherò la mia Chiesa. Gesù sa bene che Pietro è debole, ma le decisioni di Dio sono le sfide della sua Onnipotenza. “Pietra” è anche roccia: su questa stabilità non umana, Gesù costruisce la sua Chiesa: di essa Pietro sarà il garante e dovrà autenticare i veri credenti. “Quando Cristo entra nella vita di una persona, porta sempre con sè tantissimi altri da accogliere e da amare”. Egli desidera così la sua Chiesa.
Padre nostro... - 10 Ave... - Gloria... - Canto...

5° mistero. Gesù conferisce a Pietro il triplice potere
Tutti: A te darò le chiavi del Regno dei cieli e tutto ciò che legherai sulla terra sarà legato nei cieli, e tutto ciò che scioglierai sulla terra sarà sciolto nei cieli». Allora ordinò ai discepoli di non dire ad alcuno che egli era il Cristo.
Guida: Gesù conferisce il primato con tre immagini: 1°. Le fondamenta della casa: "Tu sei Pietro" significa che la sua funzione è di essere roccia, fondamento. 2°. Il potere delle chiavi: Pietro, il Papa, sarà l'uomo di fiducia del Cristo. 3°. Il potere di legare e sciogliere: i due estremi indicano totalità di governo e di insegnamento; gli atti di Pietro saranno ratificati da Dio stesso. "Il Papa è il navigatore che ha superato le burrasche della storia, che porta il soccorso della verità e cura gli interessi di tutti i cittadini dello spirito" (G. Marconi). Solo la sua parola, oggi, è accolta da tutti; egli è “il dolce Cristo in terra” (S. Caterina da Siena). Anche quando ciò sembra difficile, al cristiano è richiesta questa fede.
Padre nostro... - 10 Ave... - Gloria...