Info&News

Links amici

Due o tre riuniti nel mio nome

Desideri pregare il Vangelo di domenica col rosario?
Eccolo!
Nostra Signora del Frassine ti dona la gioia della preghiera fatta con lei.

(Matteo 18,15-20)

Meditiamo il Vangelo dei rapporti reciproci nella comunità

1° mistero. La correzione fraterna
Tutti: Gesù disse ai suoi discepoli: «Se il tuo fratello commette una colpa, va’ e ammoniscilo fra te e lui solo; se ti ascolterà, avrai guadagnato tuo fratello.
Guida: Gesù si preoccupa di chi sbaglia, Egli pensa a salvare chi pecca più che dare gratificazioni a chi vive nel giusto. Chi ha la grazia di essere nel bene, deve vivere per chi ancora ne è lontano. La correzione fraterna ha delle regole. Deve essere fatta prima da fratello a fratello; esige coraggio e delicatezza, rettitudine e comprensione. Quando è evangelica, la correzione è forse la manifestazione più genuina dell’amore fraterno. “Il fratello sorretto dal fratello è forte come un bastione regale” (Pro 18).
Padre nostro... - 10 Ave... - Gloria...
Dio è Padre e il Padre ti ama
di un amore che sfida l’immenso.
Non c’è amore più grande che donare
la propria vita per quelli che si amano

2° mistero. Correggere davanti a qualche testimone
Tutti: Se non ti ascolterà, prendi con te una o due persone, perché ogni cosa sia risolta sulla parola di due o tre testimoni.
Guida: Se praticata costantemente potrebbe interrompere sul nascere pericolose catene di risentimenti, freddezze e rivincite che finiscono per inaridire le migliori unioni. Nelle questioni tra coniugi, ottimo intermediario è il ministro di Dio. Si tratta comunque di una procedura di misericordia. Non ci si salva fuggendo i fratelli, evitando gli erranti, allontanando le persone difficili. Il debito che rimane sempre è quello della carità. Don Renzo di Ponte Chiasso ci diede l’esempio, col martirio, di un amore che non si stanca.
Padre nostro... - 10 Ave... - Gloria... - Canto...

3° mistero. Separarsi dal colpevole recidivo
Tutti: Se poi non ascolterà neppure costoro, dillo all’assemblea; e se non ascolterà neanche l’assemblea, sia per te come un pagano e un pubblicano.
Guida: Se fallisce il primo aspetto, la Chiesa (assemblea) è investita dal Cristo del potere di correggere il singolo. Docile allo Spirito, essa ha il compito di “convincere il mondo di peccato”. Quanto è difficile la continuità di un gruppo, di una comunità! Dapprima tutto sembra semplice; ben presto cade lo slancio e ognuno è tentato di seguire la propria strada. Il gruppo rischia di sciogliersi se nessuno cura la coesione interna. L’unità nell’amore è una conquista di ogni giorno.
Padre nostro... - 10 Ave... - Gloria... - Canto...

4° mistero. Il potere dato al collegio degli apostoli
Tutti: In verità vi dico: tutto quello che legherete sopra la terra sarà legato anche in cielo e tutto quello che scioglierete sopra la terra sarà sciolto anche in cielo.

Guida: A tappe, Gesù struttura la sua Chiesa: il potere conferito a Pietro da solo, viene esteso al Collegio apostolico. I responsabili della Comunità ecclesiale hanno l’impegno e la grazia di rilanciare l’appello alla riconciliazione per cementare quella unità nella verità, continuamente minacciata. L’unità è un mistero che ci sostiene e un ministero da realizzare. Il Padre ne è la sorgente e il modello.
Padre nostro... - 10 Ave... - Gloria... - Canto...

5° mistero. Gesù assicura la sua presenza nelle comunità unite in Lui
Tutti: In verità vi dico ancora: se due di voi si accorderanno per domandare qualunque cosa, il Padre mio che è nei cieli ve la concederà. Perché dove sono due o tre riuniti nel mio nome, io sono in mezzo a loro».
Guida: La preghiera rinsalda la comunione, mentre il peccato spacca e divide. In ognuno di noi Gesù si fa presente all’altro. “Bisogna tenerlo vivo fra noi amandoci” (Ch. Lubich). E’ questa una presenza reale che dobbiamo imparare a trasferire nella vita quotidiana. Gesù desidera che uniti con lui domandiamo tutto al Padre, che è infinita debolezza di amore. Egli ha già ottenuto tutto sulla croce.
Padre nostro... - 10 Ave... - Gloria...