Info&News

Links amici

Andate anche voi nella mia vigna

Desideri pregare il Vangelo di domenica col rosario?
Eccolo!
Nostra Signora del Frassine ti dona la gioia della preghiera fatta con lei.

(Matteo 20,1-16)

Dedicato alle famiglie che evangelizzano Gesù

Meditiamo la parabola degli operai nella vigna

1° mistero. Il padrone della vigna va in cerca di operai
Tutti: In quel tempo Gesù disse ai suoi discepoli questa parabola: «Il regno dei cieli è simile a un padrone di casa che uscì all'alba per prendere a giornata lavoratori per la sua vigna. Accordatosi con loro per un denaro al giorno, li mandò nella sua vigna.
Guida: "La parabola evangelica spalanca davanti al nostro sguardo l'immensa vigna del Signore e la moltitudine di persone che da Lui sono chiamate e mandate, perché in essa abbiano a lavorare. La vigna è il mondo intero che deve essere trasformato secondo il disegno di Dio, in vista dell'avvento definitivo del suo Regno" (Cristifideles laici, 1). E' la parabola della "Nuova evangelizzazione", della evangelizzazione planetaria di cui il Papa francesco è promotore e modello.
Padre nostro... - 10 Ave... - Gloria...

2° mistero. Il padrone cerca operai a tutte le ore della vita
Tutti: Uscito poi verso le nove del mattino, ne vide altri che stavano sulla piazza disoccupati e disse loro: Andate anche voi nella mia vigna; quello che è giusto ve lo darò. Ed essi andarono. Uscì di nuovo verso mezzogiorno e verso le tre e fece altrettanto.
Guida: "L'appello del Signore Gesù: Andate anche voi nella mia vigna, non cessa di risuonare nel corso della storia: è rivolto a ogni uomo che viene in questo mondo". «Ai nostri tempi, nella rinnovata effusione dello Spirito, la Chiesa ha maturato una più viva coscienza della sua natura missionaria e ha riascoltato la voce del suo Signore che la manda nel mondo come 'Sacramento universale di salvezza'». La scena, nel tempo della vendemmia, è assolutamente familiare sia a Gesù che ai suoi ascoltatori.
Padre nostro... - 10 Ave... - Gloria... - Canto...

3° mistero. Gli operai dell'undicesima ora
Tutti: Uscito ancora verso le cinque, ne vide altri che se ne stavano là e disse loro: Perché ve ne state qui tutto il giorno oziosi? Gli risposero: Perché nessuno ci ha presi a giornata. Ed egli disse loro: Andate anche voi nella mia vigna.
Guida: «La chiamata non riguarda soltanto i pastori, i sacerdoti, i religiosi e le religiose, ma si estende a tutti: anche i fedeli laici sono personalmente chiamati dal Signore e da Lui ricevono una missione specifica per la Chiesa e per il mondo». Ai giovani il Papa ha detto: «La Chiesa è una comunione organica nella quale ciascuno trova il suo posto e compito. Lo avete anche voi giovani. E' un posto molto importante. La Chiesa ha bisogno di voi, del vostro dinamismo, della vostra autenticità, della freschezza della vostra fede». Una bambina di nove anni commentava così la frase: Perché nessuno ci ha presi a giornata: «I grandi non credono che anche noi possiamo annunciare Gesù». Proprio i fanciulli sono la nuova primavera.
Padre nostro... - 10 Ave... - Gloria... - Canto...

4° mistero. La paga
Tutti: Quando fu sera il padrone della vigna disse al suo fattore: Chiama gli operai e da' loro la paga, incominciando dagli ultimi fino ai primi. Venuti quelli delle cinque del pomeriggio ricevettero un denaro ciascuno. Quando arrivarono i primi pensavano che avrebbero ricevuto di più. Ma anch'essi ricevettero un denaro ciascuno.

Guida: La parabola non descrive un atto di arbitrio, ma il gesto di un uomo animato di bontà, generoso e pieno di sensibilità verso i piccoli e i poveri. Questi sono i "pensieri di Dio" e sono molto lontani dai nostri! Dio chiama tutti, ma non retribuisce tutti allo stesso modo. Qui sta la difficoltà sollevata dalla parabola. Il Signore ricompensa subito gli ultimi. E' una verità che mette in crisi. Nella vita storica di Gesù, la parabola fu raccontata contro i farisei per annunciare che la bontà di Dio non esclude nessuno. Questa parabola apre la Chiesa alla coscienza della sua missione universale, verso tutti i popoli.
Padre nostro... - 10 Ave... - Gloria... - Canto...

5° mistero. La giustizia del padrone si chiama amore
Tutti: Nel ritirarlo mormoravano contro il padrone dicendo: Questi ultimi hanno lavorato un'ora soltanto e li hai trattati come noi che abbiamo sopportato il peso della giornata e il caldo. Ma il padrone rispondendo a uno di loro disse: Amico, io non ti faccio torto. Non hai forse convenuto con me per un denaro? Prendi il tuo e vattene; ma io voglio dare anche a quest'ultimo quanto a te. Non posso fare delle mie cose quello che voglio? Oppure tu sei invidioso perché io sono buono? Così gli ultimi saranno i primi, e i primi gli ultimi».
Guida: Nei contratti umani, in genere l'operaio lavora solo in base al salario che gli spetta. Gesù propone un'utopia. Qualcosa comincia a cambiare anche nel nostro mondo. Lo si nota soprattutto nel campo dell'evangelizzazione giovanile: essi vanno ad annunciare il Regno di Dio come semplici "inviati". Non pensano alla ricompensa. All'ultima ora infatti, la grande ricompensa, la vita eterna, ci sarà data come pura gratuità. L'aveva compreso bene S. Teresa di Lisieux che desiderava presentarsi a Dio a mani vuote, perché la sua giustizia -diceva- era Lui, Dio stesso! E così fu proclamata Patrona delle missioni.
Padre nostro... - 10 Ave... - Gloria...