Info&News

Links amici

«Beati...»

Desideri pregare il Vangelo di domenica col rosario?
Eccolo!
Nostra Signora del Frassine ti dona la gioia della preghiera fatta con lei.

(Matteo 5,1-12)

Meditiamo il Vangelo delle Beatitudini

1° mistero. Gesù proclama beati i poveri
Tutti: In quel tempo, i farisei, udito che Gesù aveva chiuso la bocca ai sadducei, si riunirono insieme e uno di loro, un dottore della legge, lo interrogò per metterlo alla prova: «Maestro, qual è il più grande comandamento della legge?».
Guida: Gesù inizia la sua missione di insegnamento: Egli, la Parola del Padre, viene a indicare la via che conduce nella perfetta signorìa di Dio, il cui regno è amore e pace. Le solenni dichiarazioni di Gesù riguardano l'acquisto della felicità e il senso della propria esistenza. La prima beatitudine proclamata da Gesù è la povertà. Matteo precisa: poveri davanti a Dio, cioè nello spirito. Questa povertà è la porta di entrata nella felicità: povero è colui che riconosce e accetta la propria indigenza, non solo materiale, ma anche spirituale; è umile e conta tutto su Dio. Poter fare a meno delle ricchezze e donarle, è frutto di questa beatitudine raggiunta.
Padre nostro... - 10 Ave... - Gloria...
Mib Sib Mib Do- Sib 7
Ma io sono povero, son povero e infelice;
Mib Lab Sib Mib
vien presto, mio Dio, vieni e non tardar;
La dolce Madre mia, mi prenda per mano e a Te mi conduca, o Cuor di Gesù.

2° mistero. Le beatitudini del pianto e della mitezza
Tutti: Beati gli afflitti perché saranno consolati. Beati i miti perché erediteranno la terra.
Guida: "La mitezza, cioè la non-violenza, è la caretteristica del discepolo di Gesù e comporta pazienza, dolcezza, umiltà e totale abbandono a Dio. La tristezza è duplice: quella di chi soffre perché non ha, e quella di chi soffre per la cattiveria e il peccato del mondo. Entrambe queste sofferenze hanno uno sbocco nel Cuore di Dio: ci si affida a Lui che consola nell'impotenza, fino a rendere beati; e ci si rivolge alla sua onnipotenza perché intervenga a favore degli oppressi. Nella Bibbia afflizione e consolazione sono sempre legate. “Noi scriveremo il Vangelo nelle nostre mani e nel nostro cuore, perché solo a fianco di Gesù troviamo il coraggio di creare il mondo a somiglianza di Dio” (Carta dei giovani '88).
Padre nostro... - 10 Ave... - Gloria... - Canto...

3° mistero. Le beatitudini della giustizia e della misericordia
Tutti: Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia, perché saranno saziati. Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia.
Guida: Beati quelli che desiderano ardentemente di fare la volontà di Dio: Gesù era tutto proiettato nella volontà del Padre: «La tua, non la mia volontà, sia fatta». "Giustizia" equivale a "santità". Il Papa disse ai Giovani a Czestokowa: «Non abbiate paura di essere santi». La misericordia è la dimensione che ci apre ai fratelli con il Cuore stesso di Cristo; è l'amore che prova compassione verso tutti e non si stanca mai di perdonare. "Noi rifiuteremo il razzismo e l'esclusione dello straniero, perché siamo figli dello stesso Padre che è nei cieli, perché siamo tutti della razza di Dio. Saremo attenti a ogni miseria per sradicarla o ridurla, per questo offriremo il nostro tempo, la nostra intelligenza e la nostra presenza, perché colui che ama ad immagine di Dio è colmato di misericordia" (CdG, 5).
Padre nostro... - 10 Ave... - Gloria... - Canto...

4° mistero. Le beatitudini della purezza e della pace
Tutti: Beati i puri di cuore perché vedranno Dio. Beati gli operatori di pace perché saranno chiamati figli di Dio.

Guida: La purezza del cuore è la trasparenza, la totale rettitudine nelle intenzioni, l'assenza di doppiezza e di raggiri. Essa comporta anche una purezza del corpo, vaso prezioso che custodisce il divino che è nel cuore. "Beati quelli che si affaticano per la pace": «la pace è Gesù». Soltanto in Lui si possono abbattere le divisioni e la sua presenza in mezzo a noi crea il cemento dell'amore e l'olio della fraternità. La pace ci rende “figli”, cioè della stessa natura del Dio della pace. "Noi faremo a tutti dono della nostra tenerezza, del nostro perdono e della nostra parola sempre pronta al dialogo perché così sarà piantato il germe della pace" (CdG).
Padre nostro... - 10 Ave... - Gloria... - Canto...

5° mistero. La beatitudine dei perseguitati
Tutti: Beati i perseguitati per causa della giustizia, perché di essi è il Regno dei cieli. Beati voi quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e, mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi per causa mia. Rallegratevi ed esultate perché grande è la vostra ricompensa nei cieli».
Guida: La beatitudine dei perseguitati è stata la più vissuta da Gesù stesso: «Non c'è amore più grande che dare la vita per i propri amici» (Gv 15). Il coraggio della verità e l'annuncio di un Regno che va oltre le dimensioni della terra, la denuncia della menzogna e dell'egoismo, la rivelazione della beatitudine che Dio ci riserva e il capovolgimento di ciò che conta tra gli uomini, tutto questo genera incomprensione e rottura con il mondo. "Lottare e soffrire per il Vangelo è una grazia"(2Cor). Umiltà e carità sono il filo che lega insieme queste 8 beatitudini. La promessa inaudita del Regno è ciò che attendono, col nostro aiuto, le care Anime del Purgatorio.
Padre nostro... - 10 Ave... - Gloria...