Info&News

Links amici

Il Figlio di Maria

Desideri pregare il Vangelo di domenica col rosario?
Eccolo!
Nostra Signora del Frassine ti dona la gioia della preghiera fatta con lei.

(Marco 6, 1-6)

Meditiamo il Vangelo della visita di Gesù a Nazareth

1° mistero. Gesù insegna nella sinagoga
Tutti: In quel tempo Gesù andò nella sua patria e i suoi discepoli lo seguirono. Venuto il sabato cominciò a insegnare nella sinagoga. E molti, ascoltandolo, rimanevano stupiti e dicevano: «Donde gli vengono queste cose?».
Guida: La patria di Gesù è Nazareth; se ne parla poco nella vita pubblica. Matteo precisa che Gesù scelse Cafarnao come base della sua predicazione. Gesù insegna nella sinagoga soprattutto di sabato, il giorno della riunione festiva dei Giudei. Durante la celebrazione della Parola di Dio, era permesso a uno dei presenti di offrirsi per la seconda lettura (un brano dei Profeti) e per l’omelia. Gesù ne approfitta per svolgere il suo mandato.
Padre nostro... - 10 Ave... - Gloria... - Canto
Canto: Vinca il Re-Messia, il Figlio di Maria,
vinca il Re-Messia, il Figlio di Maria.

2° mistero. Meraviglia dei nazaretani
Tutti: «Che sapienza è mai questa che gli è stata data? E questi prodigi compiuti dalle sue mani?».
Guida: La reazione dei nazaretani viene espressa con tre parole che rappresentano altrettanti atteggiamenti nei confronti di Gesù. Stupore di fronte alla sapienza e ai miracoli di quell’uomo che loro credevano di conoscere bene. La domanda, giusta nei confronti di Gesù, poteva portarli alla fede.
Padre nostro... - 10 Ave... - Gloria... - Canto...

3° mistero. I parenti di Gesù
Tutti: «Non è costui il carpentiere, il Figlio di Maria, il fratello di Giacomo, di Joses, di Giuda e di Simone? E le sorelle non stanno qui da noi?». E si scandalizzavano di lui.
Guida: Ecco il secondo atteggiamento: scandalizzarsi, che vuol dire “lasciarsi cadere, defezionare, staccarsi da Dio a causa di una difficoltà”. La persona di Gesù è occasione di caduta, quando l’orgoglio rifiuta di accoglierne la luce. Per la prima volta risuona nel Vangelo questa definizione circa l’origine umana di Gesù:il Figlio di Maria. Giuseppe è già morto, certo, ma è bello vedervi riflessa la fede della Chiesa primitiva nella divina maternità di Maria.
Padre nostro... - 10 Ave... - Gloria... - Canto...

4° mistero. Gesù, profeta disprezzato
Tutti: Ma Gesù disse loro: «Un profeta non è disprezzato che nella sua patria, tra i suoi parenti e in casa sua». E non vi potè operare nessun prodigio, ma solo impose le mani a pochi ammalati e li guarì.

Guida: Gli abitanti di Nazaret rifiutano la missione di Gesù, razionalizzano e si bloccano sul contrasto tra la dottrina predicata e le sue umili origini (i cosiddetti “fratelli e sorelle” indicano i parenti prossimi). Gesù, Dio, rimane paralizzato, impotente per mancanza di fiducia in lui.
Padre nostro... - 10 Ave... - Gloria... - Canto...

5° mistero. La marcia divina non si arresta
Tutti: E si meravigliava della loro incredulità. Gesù percorreva i villaggi insegnando.
Guida: Ecco il terzo atteggiamento dei nazaretani: l’incredulità. Essa è lo sbocco finale dello stupore e poi dello scandalo, nel cuore di coloro che, invece di aprirsi alla Parola di Gesù, preferiscono giudicarlo.
Padre nostro... - 10 Ave... - Gloria...