Info&News

Links amici

«Effatà»

Desideri pregare il Vangelo di domenica col rosario?
Eccolo!
Nostra Signora del Frassine ti dona la gioia della preghiera fatta con lei.

(Marco 7,31-37)

Meditiamo il miracolo della guarigione del sordomuto

1° mistero. Gesù ritorna verso la Decapoli
Tutti: Di ritorno dalla regione di Tiro, passò per Sidone, dirigendosi verso il mare di Galilea, in pieno territorio della Decapoli.
Guida: Gesù batte i luoghi attorno alla Galilea, nel Nord della Palestina, con frequenti sconfinamenti in territorio pagano: la salvezza è destinata a tutti. L’infelicità dei pagani è simboleggiata, oltre che dalle possessioni, anche dal fatto che, come il sordomuto, essi non possono intendere, né annunciare la Parola.
Padre nostro... - 10 Ave... - Gloria... - Canto
Canto:
Poi uno ch’era sordo e non parlava che a stento
lo condussero a Gesù. Al cielo sollevò gli occhi e sospirò; gli disse “Effatà!”.

2° mistero. Portano l’handicappato a Gesù
Tutti: E gli condussero un sordomuto, pregandolo di imporgli la mano.
Guida: "Qualcuno" conduce a Gesù. Ogni vero discepolo ha questo compito: condurre le anime a Gesù. Chi è colpito da sordità e mutismo è infelice perché chiuso ad ogni dialogo con gli altri; isolato. Diceva Benedetta Bianchi Porro, la ragazza fasciata dalla notte e dal silenzio dei sensi: “Com’è bello e terribile vivere: ogni gioia è dolore, e ogni dolore è anche gioia”.
Padre nostro... - 10 Ave... - Gloria... - Canto...

3° mistero. Gesù compie una serie di gesti simbolici
Tutti: E portandolo in disparte, lontano dalla folla, gli pose le dita negli orecchi e con la saliva gli toccò la lingua; guardando quindi verso il cielo, emise un sospiro e disse: «Effatà», cioè: «Apriti!».
Guida: La guarigione avviene con una serie di gesti preparatori e simbolici. Il sordomuto viene condotto in disparte: è il gesto di Gesù quando va a pregare; il malato deve tirarsi fuori dai gruppi di pressione per incontrare Dio nella preghiera. Gesù pronuncia la parola pregando, cioè alzando gli occhi al cielo. Le dita negli orecchi indicano la potenza dello Spirito, chiamato anche “Dito di Dio”; e la saliva indica la secrezione della Parola, ed era ritenuta di alto potere curativo. In territorio pagano, occorre sempre una iniziazione alla fede.
Padre nostro... - 10 Ave... - Gloria... - Canto...

4° mistero. Gesù compie il miracolo
Tutti: E subito gli si aprirono gli orecchi, si sciolse il nodo della lingua e parlava correttamente.

Guida: Ecco il miracolo che Gesù compie: aprire il sordomuto a Dio e agli altri. Gesù vuole che il dialogo sia lo stile della vita nuova che egli è venuto a portare; ma questo inizia dall’ascolto. Ogni parola del cristiano, per essere vera, deve poggiare, come quelle di Maria, sul silenzio di tutto l’essere. Sovente nelle nostre case manca chi abbia l'arte di saper ascoltare.
Padre nostro... - 10 Ave... - Gloria... - Canto...

5° mistero. Gesù ordina il silenzio
Tutti: E comandò loro di non dirlo a nessuno. Ma più egli lo raccomandava, più essi ne parlavano e, pieni di stupore, dicevano: «Ha fatto bene ogni cosa; fa udire i sordi e fa parlare i muti!».
Guida: Gesù non voleva esporre il mistero della sua persona e della sua missione agli equivoci, determinati dalle false idee messianiche del tempo. Il sordo è simbolo dell’uomo che non percepisce la Parola divina. Solo la Grazia può aprire l’orecchio dell’uomo, rendendolo sensibile agli impulsi che gli giungono da parte di Dio, e capace di annunciarli nella gioia effusiva dello Spirito Santo.
Padre nostro... - 10 Ave... - Gloria...