Info&News

Links amici

«Venuto per dare la vita»

Desideri pregare il Vangelo di domenica col rosario?
Eccolo!
Nostra Signora del Frassine ti dona la gioia della preghiera fatta con lei.

(Marco 10,35-45)

Meditiamo il Vangelo della vera missione di Gesù

1° mistero. La domanda presuntuosa di due discepoli
Tutti: In quel tempo, si avvicinarono a Gesù Giacomo e Giovanni, i figli di Zebedeo, dicendogli: «Maestro, noi vogliamo che tu ci faccia quello che ti chiederemo». Egli disse loro: «Cosa volete che io faccia per voi?».
Guida: Giacomo e Giovanni, “i figli del tuono”, esprimono a Gesù un loro desiderio. Gesù ha parlato del suo Regno, ed essi sognano immediatamente i primi posti, giacché... hanno lasciato tutto. Il tono di pretesa crea il dubbio sulla bontà della loro domanda. Gesù, tuttavia, si rende disponibile a istruirli perchè li vede sinceri, anche se un po’ idealisti.
Padre nostro... - 10 Ave... - Gloria... - Canto

2° mistero. Gesù mette la condizione per partecipare alla sua gloria
Tutti: Gli risposero: «Concedici di sedere nella tua gloria uno alla tua destra e uno alla tua sinistra». Gesù disse loro: «Voi non sapete ciò che domandate. Potete bere il calice che io bevo, o ricevere il battesimo con cui io sono battezzato?». Gli risposero: «Lo possiamo».
Guida: Si manifesta ancora una volta il malinteso tra Gesù e i discepoli; il Signore pensa al servizio, Giacomo e Giovanni al successo. Egli parla di un amore che si afferma nella prova e loro sognano il trionfo. Alla proposta di Gesù, scatta il loro sincero amore per Lui e anche il loro realismo: si dichiarano pronti a soffrire per lui.
Padre nostro... - 10 Ave... - Gloria... - Canto...

3° mistero. Gesù distingue tra la croce e la gloria
Tutti: E Gesù disse: «Il calice che io bevo anche voi lo berrete, e il battesimo che io ricevo, anche voi lo riceverete. Ma sedere alla mia destra o alla mia sinistra non sta a me concederlo; è per coloro per i quali è stato preparato».
Guida: Gesù promette con certezza la croce, ma quale grado di gloria meriti chi lo segue, non è lui a deciderlo. L’umiltà di Gesù è perfetta: “da me non faccio nulla”. Battesimo (o bagno), indica la forza purificatrice della sofferenza per salvare il mondo. Gesù la preannuncia ai due, ma li esorta ad abbandonarsi alle sorprese dell’amore del Padre: come Lui è tutto obbedienza, così deve essere il discepolo.
Padre nostro... - 10 Ave... - Gloria... - Canto...

4° mistero. Gesù estende a tutti la lezione
Tutti: All’udire questo, gli altri dieci si sdegnarono con Giacomo e Giovanni. Allora Gesù, chiamatili a sé, disse loro: «Voi sapete che coloro che sono ritenuti capi delle nazioni le dominano, e i loro grandi esercitano su di esse il potere. Fra voi però non è così.

Guida: Gesù prende spunto dalla crisi di gelosia, suscitata dai due fratelli, per fare il punto: non si entra nel Regno di Dio per fare carriera. A differenza dei regni umani, qui la grandezza consiste nella caccia agli ultimi posti. E’ un primato che la natura non conosce.
Padre nostro... - 10 Ave... - Gloria... - Canto...

5° mistero. Il modello è Gesù, venuto per servire
Tutti: Ma chi vuol essere grande tra voi si farà vostro servitore, e chi vuol essere il primo tra voi sarà il servo di tutti. Il Figlio dell’uomo infatti non è venuto per essere servito, ma per servire e dare la propria vita in riscatto di molti».
Guida: Gesù deve pronunciare queste parole con estrema dolcezza: il loro contenuto è talmente ostico... Lentamente, attraverso un sì costante alle prove di ogni giorno, guardando alla luce diffusa dalla persona del Maestro, i discepoli impareranno a proprie spese la gioia di questo primato: “Non c’è amore più grande che dare la vita”. E’ solo questione di amore.
Padre nostro... - 10 Ave... - Gloria...