Info&News

«Le mie parole non passeranno»

Desideri pregare il Vangelo di domenica col rosario?
Eccolo!
Nostra Signora del Frassine ti dona la gioia della preghiera fatta con lei.

(Marco 13,24-32)

Meditiamo il Vangelo della seconda venuta di Gesù

1° mistero. Gesù preannuncia i segni cosmici della fine
Tutti: Disse Gesù ai suoi discepoli: «In quei giorni, dopo quella tribolazione, il sole si oscurerà, e la luna non darà più il suo splendore, e gli astri si metteranno a cadere dal cielo, e le potenze che sono nei cieli saranno sconvolte.
Guida: Attraverso le immagini che dipingono la fine di Gerusalemme (70 d.C.), Gesù ci invita a riflettere sulla fine della storia e del mondo. Tenebre e caos vanno considerati come due elementi che danno l’avvio al giudizio universale. “Dopo! Dopo! La fine del mondo non avverrà domani; non c’è fretta!”. E la conversione è sempre una cosa che costa. Il nuovo Millennio non finirà per riadagiarci sulle paure che abbiamo da poco superato?
Padre nostro... - 10 Ave... - Gloria... - Canto

2° mistero. Il ritorno di Gesù
Tutti: Allora vedranno il Figlio dell’uomo venire sulle nubi con grande potenza e gloria. Ed egli manderà gli angeli e riunirà i suoi eletti dai quattro venti, dall’estremità della terra fino all’estremità del cielo.
Guida: Con l’accenno al ritorno del Figlio dell’uomo (immagine tolta dalle profezie di Daniele), Marco sottolinea quello che per i cristiani sarà l’elemento decisivo dell’escatologia: il ritorno di Cristo come Giudice, Salvatore e Perfezionatore supremo dell’universo. Il senso finale della creazione è la raccolta di tutti i giusti nel Regno dell’amore del Padre. Per i cristiani, “eletti da Dio”, questo ritorno segnerà la pienezza della salvezza.
Padre nostro... - 10 Ave... - Gloria... - Canto...

3° mistero. L’immagine del fico
Tutti: Dal fico imparate questa parabola: quando già il suo ramo si fa tenero e mette le foglie, voi sapete che l’estate è vicina; così anche voi, quando vedrete accadere queste cose, sappiate che egli è vicino, alle porte.
Guida: Gesù invita la comunità cristiana a guardare la natura per leggervi i segni di Dio: il fico che si copre di foglie di un verde tenero, è segno della Chiesa che sta per vivere nel Signore Risorto. Kierkegaard, commentando l’urgenza di mettere in pratica la Parola di Dio, ha questo esempio: se uno è dedito al gioco e vuole convertirsi, e dice a se stesso: “da domani voglio cambiare”. Costui ha perso l’occasione. Se invece dice a se stesso: “Da domani puoi giocare quanto credi, ma adesso no!”, costui ha vinto la passione. La conversione è urgente, bisogna decidere subito, senza rinvii.
Padre nostro... - 10 Ave... - Gloria... - Canto...

4° mistero. Imminenza e certezza degli avvenimenti
Tutti: In verità vi dico: non passerà questa generazione prima che queste cose siano avvenute. Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno.

Guida: Gli avvenimenti riguardanti la distruzione di Gerusalemme si sono verificati alla lettera, nei tempi predetti da Gesù. Ma “generazione” equivale anche a “popolo”. E noi stiamo assistendo al riformarsi di questo “popolo”, nonostante la “soluzione finale” e l’Olocausto. E’ il popolo ebraico, destinato a riconoscere Gesù nella sua venuta definitiva, come il Giudice supremo di tutto. Le Parole di Gesù sono eterne, e sono sempre attuali perché divine: esse attingono alle profondità dello Spirito che scruta ogni cosa; vanno adorate e meditate.
Padre nostro... - 10 Ave... - Gloria... - Canto...

5° mistero. L’ora della fine è sconosciuta a tutte le creature

Tutti: Quanto poi a quel giorno e a quell’ora, nessuno li conosce, neanche gli angeli nel cielo, e neppure il Figlio, ma solo il Padre».
Guida: Il Padre è all’origine di tutto. Gesù, in quanto uomo, si abbandona alle iniziative del Padre. La fine del mondo è già in atto: fin d’ora c’è un universo di vanità che mostra il suo nulla; ma noi non sappiamo riconoscerne il cadavere. E già fin d’ora è in atto la nuova creazione, iniziata con la Morte e Risurrezione di Gesù. La scomparsa dell’universo visibile e l’avvento dei Cieli nuovi e della Terra nuova, renderanno manifesta questa realtà. Guai a noi se non avremo imboccato a tempo la Porta Santa per entrarvi. Prepariamo con fede e umiltà l'entrata nell'Anno della Misericordia.
Padre nostro... - 10 Ave... - Gloria...