Info&News

Links amici

La porta stretta

Desideri pregare il Vangelo di domenica col rosario?
Eccolo!
Nostra Signora del Frassine ti dona la gioia della preghiera fatta con lei.

(Lc 13,22-30=XXI° T.O.)

Meditiamo il Vangelo della porta stretta che immette nel Regno di Dio

1° mistero. La salvezza dipende da noi
Tutti: In quel tempo Gesù passava per città e villaggi, insegnando, mentre era in cammino verso Gerusalemme. Un tale gli chiese: «Signore, sono pochi quelli che si salvano?». Rispose: «Sforzatevi di entrare per la porta stretta, perché molti, vi dico, cercheranno di entrarvi ma non ci riusciranno.
Guida: A uno che si preoccupa del numero dei salvati, Gesù risponde mettendolo davanti alla sua responsabilità personale: la risposta alla chiamata divina è urgente. Sforzarsi di entrare per la porta stretta significa che l’entrarvi dipende da noi. Soforzarsi di entrarvi senza riuscire indica mancanza di vigilanza e pretesa di avere da Dio quello che abbiamo trascurato di fare noi.
Padre nostro... - 10 Ave... - Gloria... - Canto
Poi un segno grandioso apparve in cielo:una Donna
vestita di Sole con la luna sotto i suoi piedi;
e dodici stelle le coronano il capo: Madre della Chiesa, Maria!

2° mistero. Parabola degli invitati esclusi
Tutti: Quando il padrone di casa si alzerà e chiuderà la porta, rimasti fuori, comincerete a bussare dicendo: Signore, aprici. Ma egli vi risponderà: Non vi conosco, non so di dove siete.
Guida: Più che le singole azioni, Gesù contesterà l’orientamento che uno ha preso in vita: quale realtà ha costruito? Chiamato da Dio all’esistenza, accetta di rinascere da acqua e da Spirito o si abbandona al nulla? La morte arriva sempre di sorpresa: non si può chiedere l’olio per alimentare la lampada quando lo Sposo è già arrivato.
Padre nostro... - 10 Ave... - Gloria... - Canto...

3° mistero. Non basta ritenersi a posto
Tutti: Allora comincerete a dire: Abbiamo mangiato e bevuto in tua presenza e tu hai insegnato nelle nostre piazze. Ma egli dichiarerà: Vi dico che non so di dove siete.
Guida: Non basta nell’ora del giudizio, vantare qualche opera buona compiuta in certe occasioni.. Dio, è un Dio geloso, e dalla sua creatura vuole tutto: desideri, azioni e intenzioni. E vuole tutto per amore. “Non sono un biblista, non sono un teologo, né un sociologo, sono soltanto uno che ha cercato di lavorare per il Regno di Dio”, è la stupenda professione del martire don Puglisi.
Padre nostro... - 10 Ave... - Gloria... - Canto...

4° mistero. Gesù parla del Paradiso e dell’inferno
Tutti: Allontanatevi da me voi tutti, operatori di iniquità. Là ci sarà pianto e stridore di denti, quando vedrete Abramo, Isacco e Giacobbe e tutti i profeti nel regno di Dio, e voi cacciati fuori.

Guida: L’alternativa alla vita con Dio è la dannazione eterna. Gesù ne parla con estrema chiarezza. L’Inferno é: essere cacciati fuori, lontano dal volto di Dio a cui da sempre aspiriamo; è pianto, cioè disperazione, mentre siamo fatti per la gioia e la comunione; è stridore di denti, cioè odio e ripiegamento su di sé, mentre siamo fatti per essere dono e apertura verso tutti.
Padre nostro... - 10 Ave... - Gloria... - Canto...

5° mistero. Le sorprese del Regno di Dio
Tutti: Verranno da Oriente e da Occidente, da settentrione e da mezzogiorno e siederanno a mensa nel regno di Dio. Ed ecco, ci sono alcuni tra gli ultimi che saranno primi e alcuni tra i primi che saranno ultimi».
Guida: La chiamata al Regno di Dio è universale: il cristiano deve crederci, anche se i tempi della salvezza sono noti solo a Dio. Sedere a mensa con Gesù nel Regno del Padre deve essere il sogno che tiene desto il cristiano ad ogni ora della vita. “Il Cristianesimo non è facile, ma felice”, diceva Paolo VI.
Padre nostro... - 10 Ave... - Gloria...